lo statuto dell’associazione

ART. 1
In data 16/12/1979 è stata costituita in Castelvecchio Subequo, per iniziativa di un “Comitato Promotore” un’Associazione archeologica denominata “Gruppo Archeologico Superequano”.

ART. 2
L’Associazione ha lo scopo di:
•  vigilare, segnalare, catalogare, raccogliere, fotografare, tutto il materiale archeologico possibile;
•  sensibilizzare ed informare i cittadini sul cammino dell’uomo in terra d’Abruzzo con particolare riferimento all’area dei Peligni Superequani;
•  tutelare il patrimonio artistico e culturale della Valle Subequana;
•  divulgare la cultura archeologica, storica, letteraria, artistica, scientifica e socio-antropologica della Regione Abruzzo attraverso la pubblicazione di studi sugli argomenti, la formazione di una Biblioteca di Abruzzesistica, l’organizzazione di conferenze, convegni, mostre, corsi di studio, di gite e viaggi d’istruzione, ricerche ed ogni altra iniziativa utile.

ART. 3
L’Associazione ha natura apartitica e aconfessionale ed è senza fini di lucro.
Tutti possono aderirvi, senza pregiudiziale di carattere politico.

ART. 4
L’Associazione comprende le seguenti categorie di soci: Fondatori, Ordinari, Onorari; Benemeriti ed Aggregati.
Questi ultimi sono i soci di minore età, che non hanno diritto di voto e non sono eleggibili.
La qualifica di Socio Onorario e di Socio Benemerito sarà conferita dal Consiglio Direttivo a titolo permanente a persone o Enti che si sono distinti per meriti speciali nei confronti dell’Associazione.
Il numero dei soci è illimitato e non potrà mai essere inferiore a 20.

ART. 5
Tutti i soci maggiorenni godono del diritto di partecipazione nelle assemblee sociali nonché dell’elettorato attivo e passivo.
La qualifica di socio da diritto a frequentare la sede sociale, secondo le modalità stabilite nell’apposito regolamento.

ART. 6
I soci cessano di appartenere all’Associazione nei seguenti casi:
•  dimissione volontaria
•  morosità protrattasi per 6 mesi dalla scadenza del versamento richiesto
•  radiazione deliberata dal consiglio direttivo per azioni ritenute disonorevoli nei confronti dell’Associazione o nei confronti di terzi o enti.

ART. 7
Gli organi sociali sono:
•  l’Assemblea generale dei Soci
•  il Consiglio Direttivo
•  il Presidente
•  il Vice Presidente
•  il Segretario
•  il Tesoriere
•  il Bibliotecario
•  il Collegio dei Probiviri
•  il Collegio dei Sindaci Revisori dei conti

ART. 8
Tutte le cariche sono elettive ed hanno la durata di tre anni.
Gli eletti sono sempre rieleggibili. Le elezioni devono farsi entro 15 giorni dalla scadenza delle cariche.
Il socio eletto con maggior anzianità nell’associazione, assume le funzioni di Presidente pro-tempore, fino all’insediamento dei nuovi organi sociali, provvedendo alla convocazione del Consiglio Direttivo, del Collegio dei Probiviri e del Collegio dei Sindaci Revisori dei Conti, entro 8 giorni dalla proclamazione degli eletti.

ART. 9
L’Assemblea generale di soci è il massimo organo deliberativo dell’associazione ed è convocata in sessioni ordinarie e straordinarie.
Vi potranno prendere parte i soli soci in regola con il versamento della quota annua e con le regole statutarie.

ART. 10
L’Assemblea ordinaria è validamente costituita in prima convocazione con la presenza della maggioranza assoluta degli associati aventi diritto di voto e delibera validamente con voto favorevole della maggioranza dei presenti.
Ogni socio ha diritto ad un voto che non è delegabile.
Trascorsa un’ora dalla prima convocazione tanto l’Assemblea ordinaria che l’Assemblea straordinaria saranno validamente costituite qualunque sia il numero degli associati presenti, con delibera a maggioranza.

ART. 11
L’Assemblea ordinaria è validamente costituita in prima convocazione con la presenza della maggioranza assoluta degli associati aventi diritto di voto e delibera validamente con voto favorevole della maggioranza dei presenti.
Ogni socio ha diritto ad un voto che non è delegabile.
Trascorsa un’ora dalla prima convocazione tanto l’Assemblea ordinaria che l’Assemblea straordinaria saranno validamente costituite qualunque sia il numero degli associati presenti, con delibera a maggioranza.

ART. 12
Le eventuali modifiche al presente statuto potranno essere discusse e deliberate solo dall’assemblea straordinaria dei soci e solo se poste all’ordine del giorno.

ART. 13
Il Consiglio Direttivo è composto da undici eletti dall’Assemblea a scrutinio segreto e con insediamento immediato. Nel proprio ambito nomina il Presidente, il Vicepresidente, il Segretario, il Tesoriere e il Bibliotecario; delibera su tutti gli affari generali del Gruppo del quale regola ed amministra l’attività.
Il Consiglio Direttivo rimane in carica per tre anni ed i suoi componenti sono rieleggibili. Le deliberazioni verranno adottate a maggioranza, in caso di parità prevarrà il voto del Presidente.

ART. 14
Il Consiglio Direttivo si riunisce ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario, oppure se ne sia fatta richiesta da almeno un Consigliere.
Nel caso venissero a mancare per dimissioni o altro motivo, uno o più consiglieri, il Presidente o chi ne assume le funzioni, provvederà a surrogare i mancanti, con i primi dei non eletti che resteranno in carica fino alla scadenza dei consiglieri sostituiti.
Il Consiglio Direttivo dovrà considerarsi sciolto e non più in carica qualora per dimissioni o per qualsiasi altra causa venga a perdere la maggioranza dei componenti.
In caso di tre assenze ingiustificate il socio eletto, decade dal Consiglio Direttivo.

ART. 15
Sono compiti del Consiglio Direttivo:
•  redigere con chiarezza ed in modo veritiero e corretto, il bilancio preventivo ed il conto consuntivo da sottoporre all’assemblea;
•  fissare le date delle Assemblee dei Soci e convocare l’Assemblea straordinaria qualora venga richiesto dai soci con un minimo dei 2/10 degli iscritti;
•  redigere gli eventuali regolamenti interni relativi all’attività culturale e non, da sottoporre all’assemblea degli associati;
•  nominare delle Commissioni collaborative, con compiti referenti e consultivi, oltre che operativi in stretta collaborazione con il Consiglio Direttivo;
•  adottare i provvedimenti di radiazione verso i soci qualora si rendessero necessari;
•  attuare le finalità previste dallo statuto e le decisioni dell’assemblea dei soci.

ART. 16
Il Presidente, per delega del Consiglio Direttivo, dirige l’Associazione e ne è il legale rappresentante in ogni evenienza.
I suoi compiti sono:
•  convocare e presiedere l’Assemblea dei Soci
•  convocare e presiedere il Consiglio Direttivo
•  stipulare i contratti e le convenzioni con enti pubblici e privati
•  può delegare il Vicepresidente a sostituirlo nelle sue funzioni

ART. 17
Il Vicepresidente sostituisce il Presidente in caso di sua assenza o impedimento temporaneo ed in quelle mansioni nelle quali venga espressamente delegato.

ART. 18
Il Segretario dà esecuzioni alle deliberazioni del Presidente e del Consiglio Direttivo, redige i verbali delle riunioni, attende alla corrispondenza e cura l’archivio amministrativo del Gruppo, del quale ne è responsabile.

ART. 19
Il Tesoriere cura la gestione economica dell’Associazione, prepara il bilancio preventivo ed il conto consuntivo, da proporre al Consiglio Direttivo.

ART. 20
Il Bibliotecario ha cura del patrimonio librario dell’Associazione.

ART. 21
L’anno sociale e l’esercizio finanziario iniziano il 1° gennaio e terminano il 31 dicembre di ogni anno.

ART. 22
Il patrimonio dell’Associazione è costituito dalle quote dei Soci determinate ogni anno dal Consiglio Direttivo, dai contributi di enti pubblici e privati, da lasciti e donazioni, dai proventi derivanti dalle attività organizzate e dai beni culturali acquisiti .

ART. 23
Il Collegio dei Revisori dei Conti è composto da tre membri effettivi e due supplenti. Il Collegio dura in carica tre anni e ciascun componente può essere rieletto. Ha il controllo sull’amministrazione finanziaria ed accerta la regolare tenuta della contabilità sociale. I membri del Collegio possono partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo con voto consultivo.

ART. 24
Il Collegio dei Probiviri è composto da 3 membri eletti dalla Assemblea fra i Soci. Ad esso può ricorrersi per provvedimenti presi dal Presidente o dal Consiglio Direttivo.
Esercita funzioni arbitrali per le controversie insorgenti tra gli organi sociali, tra questi e i soci o tra gli stessi soci.
Le decisioni dei Probiviri verranno comunicate al Segretario che ne curerà l’esecuzione.

ART. 25
Eventuali modifiche dello statuto devono essere proposte da almeno 10 soci ed ottenere l’approvazione della maggioranza assoluta dell’Assemblea straordinaria.
ART. 26
La denominazione dell’Associazione è quella di “ Gruppo Archeologico Superequano ” in omaggio all’antica civitas dei Peligni Superequani: Superaequum .
La sede è situata in Castelvecchio Subequo (AQ) in Via della Catacomba n. 1.

ART. 27
Il “Gruppo Archeologico Superequano” assume a proprio emblema uno stemma araldico, la cui blasonatura è la seguente: scudo sannitico, di oro, all’arme civica di Castelvecchio Subequo accompagnata in cinta dalle armi civiche di Goriano Sicoli, Castel di Ieri, Acciano, Gagliano Aterno, Molina Aterno e Secinaro.
Sormontato da una corona listata di ovoli.
Tenenti: due figure di Ercole affrontati.
Una lista bifida svolazzante contenente il motto: “ Sapientia est libertas ” .

ART. 28
L’opera dei componenti degli Organi del Gruppo Archeologico Superequano è gratuita, salvo il rimborso delle spese autorizzato dal Consiglio Direttivo.

ART. 29
IL Gruppo Archeologico Superequano ha durata indeterminata e il suo scioglimento è deliberato dall’assemblea generale dei Soci, convocata in seduta straordinaria, con l’approvazione, sia in prima che in seconda convocazione, di almeno 4/5 dei soci esprimenti il solo voto personale, con esclusione delle deleghe. Così pure la richiesta dell’assemblea generale straordinaria da parte dei soci aventi per oggetto lo scioglimento dell’Associazione, deve essere presentata da almeno 4/5 dei Soci con diritto di voto, con esclusione delle deleghe.
In caso di scioglimento i beni del Gruppo Archeologico Superequano saranno affidati al Comune di Castelvecchio Subequo (AQ).

ART. 30
Per quanto non previsto dal presente Statuto che è composto da n. 30 articoli, si fa riferimento alle norme di legge vigenti ed ai principi generali dell’ordinamento giuridico dello Stato.